Viaggi per Famiglie leader

La ritenzione idrica: come combatterla in gravidanza e dopo il parto.

Prevenire e rimediare agli inestetismi dati dalla ritenzione idrica.

Diretta conseguenza del gonfiore, la ritenzione idrica è un altro dei tipici, fastidiosi e antiestetici inestetismi che si manifesta (per alcune fortunate) o peggiora (per la maggior parte delle donne) durante la gravidanza. Solo pochissime elette e fortunate non ne soffrono, o ne soffrono poco. Ripeto: solo pochissime elette. Per cui, consolati, cara lettrice perché, se sei qui, è perché fai parte del club delle comuni mortali.   

Quindi anche tu temi di vedere, o hai già notato, un rigonfiamento soprattutto nelle zone clou: glutei, cosce, fianchi, addome. Questo inestetismo estetico non solo è fastidioso ma può anche portare alla comparsa della ben più temuta, odiata e non gradita cellulite, con quei classici valli della pelle a buccia d’arancia o, peggio, buchi più marcati nel tessuto.

Come prevenire, contrastare e combattere la ritenzione idrica in gravidanza?

1: Una prima buona abitudine: tutto parte dalla tavola.

Ecco i migliori alleati di ritenzione di liquidi, cellulite & Co, tutti tipi da evitare, insomma:

  • sale
  • snack e merendine industriali, confezionate, preparate
  • salumi, anche se cotti (prosciutto cotto e mortadella, gli unici che si possono mangiare in gravidanza)
  • formaggi (peggio ancora se stagionati)

A proposito di alimentazione: hai già scaricato la guida all’alimentazione in gravidanza di Elena, la dietista? È gratis! Cosa aspetti?

Scarica gratis la guida!

2: detto questo, puoi andare di tisane drenanti. Ne parliamo in dettaglio nella pagina dedicata alle smagliature.

3: nemmeno a dirlo: fai sport.

Passeggiate e camminate a passo sostenuto, nuoto, yoga, pilates, acquagym. Senza sforzo o affanno, purché ci sia movimento.

4: w i massaggi drenanti.

Dopo il terzo mese, se ti è possibile, concediti anche 2 massaggi drenanti (linfodrenaggio, ad impasto, gambe leggere, quello che preferisci).

5: affidatevi alla cosmesi.

Creme e gel, specie se ad effetto freddo, aiutano ad alleviare il fastidio e promuovono il miglioramento della circolazione e l’espulsione dei liquidi in eccesso.

6: abiti comodi.

Tutto ciò che stringe è nemico della bellezza della pelle. Scegli abiti comodi, in tessuti naturali. Ti piace mettere in risalto il pancione? Nessun problema, purché vestito fasciante non corrisponda a stritolante. Aderente va bene, effetto insaccato, no.

7: scarpe comode.

Se non sai quanto sono comode le scarpe da jogging, da running, le pedule da trekking e via dicendo, questa è l’occasione giusta per provarle e…innamorartene. La conformazione della loro suola e della tomaia sarà un sollievo per i tuoi piedi e le tue gambe e, non solo, un valido aiuto per non far ristagnare più liquidi!

8: riposo a gambe in sù.

Quando dormi o ti rilassi, prova a sollevare le gambe con dei cuscini. Vedrai il risultato con i tuoi occhi.

9: docce calde-fredde.

Stimola e vivacizza la tua circolazione alternando i getti di acqua calda a quelli d’acqua fredda. Vedrai subito le tue gambe arrossarsi, segno che il microcircolo si è riattivato, per il famoso effetto Kneipp.. Per le più temerarie, anche le sole docce fredde vanno benissimo. L’effetto sgonfiante e tonificante è pressoché immediato.

Trattare la ritenzione idrica dopo il parto.

Dopo il parto valgono ancora tutti i consigli dati per la gravidanza.

In più puoi scegliere tra i diversi trattamenti estetici specifici contro la ritenzione idrica:

  • linfodrenaggio, meglio ancora con la pressoterapia
  • bendaggi al sale
  • bendaggi abbinati alla pressoterapia
  • bagni in acqua e sale; puoi farlo anche a casa: acqua tiepida e circa 4 o 5 kg di sale grosso e via in ammollo. Il sale attira i liquidi in eccesso verso le parti più esterne del nostro corpo, facilitandone l’espulsione
  • immersioni nelle vasche di sale
  • cosmetici con attivi più forti e drenanti e anche a base di sale

Condividi i consigli di Alice contro la ritenzione idrica!

Corrixbrescia Leaderboard